FACCIAMO CHIAREZZA SUI VACCINI

Ecco perche' costituiscono una risorsa irrinunciabile per la salute

Dottor Rossetti, lei è stato a lungo primario della Pediatria del nostro territorio, prima di assumere il ruolo di Direttore Sanitario in Domus Medica. Vogliamo fare chiarezza nel dibattito pro e contro le vaccinazioni?

Citando il Prof Corsello, Presidente della Soc. Italiana di Pediatria (SIP) “…le posizioni che promuovono le vaccinazioni sono frutto di solide ricerche ed evidenze scientifiche, di studi controllati, di investimenti su innovazioni e tecnologia che hanno messo a disposizione vaccini sempre più efficaci e sicuri contro malattie serie… Sono riemersi morbillo, pertosse, meningiti da “haemophilus influenzae” e, in alcuni territori, anche difterite e poliomielite …” malattie con cui le attuali generazioni di pediatri non si sono mai confrontate.

Se le malattie infettive e la mortalità ad esse dovuta si è drasticamente ridotta nell’ultimo secolo nei paesi industrializzati è grazie all’acqua potabile, agli antibiotici (ma non funzionano contro i virus) e ai vaccini”.

Sul tema circolano da tempo, soprattutto sul web, notizie allarmistiche circa i vaccini. Come distinguere tra informazione e disinformazione?

La SIP ha stampato un poster che confuta 10 falsi miti sulle vaccinazioni: cliccate in internet su “SIP 10 miti da sfatare” e troverete le motivazioni per esteso dei seguenti FALSI:

  • Le malattie infettive stavano già scomparendo prima dell’introduzione dei vaccini: FALSO vedi ad esempio la storia naturale della polio.
  • I vaccini contengono ingredienti ed additivi pericolosi: FALSO, per altro il mercurio è stato abbandonato nel 2002.
  • I vaccini causano l’autismo: FALSO, lo dicono studi condotti scientificamente; l’Autore dell’articolo che parlava di questa correlazione è stato radiato per aver costruito la sua tesi su dati falsi.
  • I vaccini non sono efficaci perché non proteggono al 100%: FALSO, una piccola percentuale può non dare risposta anticorpale dimostrabile, ma l’incontro con il vaccino più un’alta copertura vaccinale danno l’immunità (totale) “di gregge”.
  • I vaccini sono inutili perché le malattie infettive sono state debellate dalla migliore qualità di vita: FALSO, vedi le casistiche in aumento delle malattie infettive vaccinabili (Olanda, 1990, tra i non vaccinati antipolio, 72 infezioni, 2 morti, 59 paralizzati)
  • Tutti i vaccinati contro l’influenza la prendono lo stesso: FALSO, il virus influenzale colpisce circa 6-8 milioni di Italiani ed è causa o concausa di circa 8.000 decessi; molti altri virus provocano sindromi influenzali dando l’impressione che il vaccino non abbia funzionato.
  • Le malattie infettive stanno scomparendo: FALSO, l’Organizzazione Mondiale della Sanità riporta che i vaccini prevengono oltre 2 milioni e mezzo di morti da infezione “vaccinabile”.
  • Troppi vaccini possono indebolire il sistema immunitario: FALSO, già il neonato inizia ad incontrare migliaia di virus e batteri e a far anticorpi contro di essi; i vaccini inducono anticorpi contro microrganismi “pericolosi” e, comunque, si tratta di circa 150 antigeni vaccinali per 14 malattie (negli anni ’80 si utilizzavano 3000 antigeni per 7 malattie!!!).
  • L’infezione naturale è meglio della vaccinazione: FALSO, i rischi di effetti collaterali/complicazioni da vaccino sono nettamente inferiori ai danni da malattia naturale (vedi il morbillo per il quale il rischio di morte o encefalite è circa 1000 volte superiore in corso di malattia).
  • Tanti vaccini somministrati in unica soluzione sono dannosi: FALSO, il sistema immunitario saprebbe rispondere allo stimolo di molti più antigeni concomitanti e la risposta ai singoli vaccini è uguale a quella di vaccinazioni multiple.

NON vaccinare i propri figli è una pesante responsabilità sia per la salute della propria prole sia per la società tutta, che deve affrontare le conseguenze di scelte rischiose effettuate dai singoli.

Dr. Flavio Rossetti, Pediatra





Domus Medica Srl Via Zanchi, 12 35042 Este (PD) Italy - Tel. +39 0429 50303 Fax +39 0429 59031 - E-mail: info@domusmedicaeste.it - PEC domusmedicaeste@pec.it
P.IVA/C.F. PD 03827560289 - Reg.Imp./R.E.A. PD 340294 - Cap. Soc. € 75.000,00 i.v.